Brand refreshing

Brand Refreshing: l’importanza di tenersi aggiornati

Vino e cibo: comunicazione e identità

Man mano che l’azienda cambia col tempo, è importante tenere il brand aggiornato. Sì, perché magari è cambiata la mission, per adattarsi alle nuove richieste di mercato; oppure la stessa vision aziendale potrebbe essere diversa, per motivi congiunturali. Questi rinnovi sono segni della flessibilità aziendale, della sua capacità di adattamento, e come tali sono positivi. Perciò bisognerebbe anche rivedere o, come preferisco dire, ‘rinfrescare’, anche il brand.

 

Una brand identity moderna e seducente

Può darsi che la stessa etichetta, che fino a tre anni fa ti piaceva tanto, ormai sia un po’ troppo scontata o semplicemente datata. Forse ti puoi ricordare che, per mancanza di tempo, l’avevi pensata a imitazione dell’etichetta di qualcun altro, e adesso è giunto il momento di esprimere una maggiore originalità. Oppure ti rendi conto di certi importanti cambiamenti recenti nei canoni estetici della comunicazione, anche dovuti alla sempre maggiore importanza dei messaggi visivi nel mercato di oggi.

Per esempio, negli ultimi anni il packaging usato in ambito Food & Wine nel Nuovo Mondo ha influenzato molto la tendenza internazionale. Spesso le etichette dei vini prodotti in queste aree sono piuttosto lontane dai canoni classici europei. (Anche se in Europa la Spagna si è già distinta in maniera particolare per creatività e spirito modernista.) Qui trovi un esempio dall’America, di Veritas Vineyards & Winery, che ha semplificato la sua etichetta senza perdere la sua identità:

Brand refreshing Veritas

 

Forse ti interessa leggere anche: l’intervista a Vanessa Vidale, Art Director

 

Ma l’immagine del brand non si limita all’aspetto visual. Anche il copy, o testo che accompagna le immagini, svolge una parte importante. Può anche essere che i tuoi valori aziendali fondamentali non siano cambiati nel tempo, però potrebbe essere necessario cambiare un po’ lo stile della comunicazione verbale. L’idea alla base è trasmettere il messaggio fondante del brand, adattandolo ai tempi. Spesso ciò significa abbandonare la vecchia retorica classica e settoriale, e abbracciare invece espressioni più semplici, d’impatto e seducenti per il pubblico di oggi. Nel settore beverage, Coca Cola ci da una bella lezione di refreshing dell’immagine e del claim testuale.

Coca Cola Taste the feeling

Sito web e Social Network coerenti e coesi

Diciamo dunque che hai preso una decisione: aggiornare logo e claim del tuo brand. A questo punto, bisogna che ti affidi a un bravo art director, che avrà il compito di interpretare il nuovo messaggio aziendale e di tradurlo graficamente. Adesso è tempo di pensare agli altri elementi che compongono la comunicazione aziendale, come il sito e i canali social.

Dato che, prima di cominciare a lavorare sul logo aziendale, probabilmente sarà stato fatto un briefing, questo avrà individuato gli aspetti di cui tenere conto per rinnovare il sito web e magari anche gli strumenti da usare. Per avere un’idea chiara dell’aspetto del nuovo sito, bisogna avere chiaro cosa si vuole comunicare. E, per fare cioò, è molto utile immaginare il possibile viaggio del visitatore attraverso il tuo sito.

Durante l’aggiornamento del sito, ti consiglio di trovare anche il tempo di occuparti delle informazioni più tecniche, come le schede tecniche dei tuoi prodotti. Accertati che le informazioni lì contenute siano chiare e accessibili al consumatore finale medio. Preoccupati che le descrizioni dei prodotti siano esaurienti, ma anche le più semplici possibile. Puoi sempre pensare di includere una sezione a parte di approfondimento o magari anche delle schede tecniche più dettagliate, per utenti più esperti. Se non l’avevi già previsto, ti suggerisco di prendere anche in considerazione l’installazione di un modulo e-commerce, dato che l’abitudine di acquistare online direttamente dal produttore è sempre più frequente.

Wine search sito

 

A proposito dei percorsi che i visitatori del tuo sito potranno seguire, tieni conto che il web developer e il grafico per quanto possano essere degli esperti, avranno quasi certamente bisogno di avere il tuo feedback, per poter ottimizzare ogni aspetto ed enfatizzare in modo appropriato i vari elementi che formano la tua comunicazione sul web (dati, testi, immagini, ecc.). Assicurati poi che tutte le componenti del nuovo sito siano in linea con la nuova immagine aziendale che hai stabilito.

Chiaramente, dovresti curare con la stessa attenzione anche i profili aziendali sui vari social media (trovi qui, per esempio, un articolo che parla delle misure ideali per le immagini da usare in ogni Social Network). Approfitta del refreshing per creare ex-novo i profili aziendali che ti mancavano. Per ognuno, usa gli elementi grafici (colori, proporzioni, ecc.) specificati del Brand Manual che hai sviluppato insieme al tecnico grafico.

Conclusioni

Tempo, energia e idee nuove: sono tutti e tre necessari nello stesso modo. Se ciò ti spaventa, ti do subito una buona notizia: si tratta di un gioco di squadra. Ogni giocatore si impegna e contribuisce con la sua specializzazione e anche con l’interpretazione personale che da alle tue idee. Però, perché tutto ciò porti a risultati efficaci, non si possono tralasciare alcuni altri aspetti propedeutici. L’ascolto (listening) della rete e l’analisi del mercato sono due momenti fondamentali. E poi sarebbe anche necessario un lavoro sistematico di ‘introspezione aziendale’, magari partendo da un’analisi SWOT, che ti fornirà i primi suggerimenti e ti indicherà la direzione migliore per il tuo progetto.

Hai già pensato al refreshing del tuo brand? Scrivimi e fammi sapere se hai bisogno di aiuto per tenere la tua Brand Identity al passo con i tempi!