LinkedIn lead generation

Linkedin è sempre un ottimo strumento per la lead generation

Sono sicura che, indipendentemente dalle dimensioni del tuo business, l’opportunità di stabilire nuovi contatti e clienti potenziali è sempre benvenuta. Entrare regolarmente in contatto con prospect interessanti è certamente una abitudine sana. La questione tocca la diversificazione dell’offerta, l’incremento potenziale del business o anche il semplice ciclo di vita di un prodotto.

LinkedIn è senza dubbio un social media nel quale puoi trovare validi interlocutori B2B. Magari ne hai già sentito parlare, o forse ti sei appena aperto un profilo personale, magari in seguito a un invito oppure per semplice curiosità. A questo punto, mi viene spontanea una domanda: hai dedicato il tempo necessario per capire le potenzialità di questo canale? Oggi, vorrei darti qualche idea per usare il tuo account LinkedIn a vantaggio del tuo business.

La pagina aziendale con cui raggiungere il tuo target specifico

Innanzitutto, ti ricordo che LinkedIn è la migliore piattaforma per costruire il tuo social network professionale. Gli utenti di questo social media sono molto attenti a tutto ciò che può arricchire la loro professionalità e le opportunità di business. Possiamo dire davvero che LinkedIn è la “piazza affari” della rete! Quindi dovresti cercare di costruire una persona più istituzionale di quella che di solito si presenta in altri canali social.

Magari stai pensando, “Sì, ma la mia azienda ha già un suo sito, che include anche una sezione ‘lavora con noi’. Perché dovrei volere un duplicato?” Il motivo principale è che la pagina aziendale su LinkedIn è generalmente molto più visibile di un sito esterno, dato il supporto offerto dal social network. La presenza di una community lo rende un luogo ideale per fare condivisioni di tipo diverso: dagli aggiornamenti strettamente legati all’attività aziendale, alle informazioni di settore più generali, che possono catturare l’attenzione di categorie specifiche di utenti. È così che puoi iniziare a creare una community intorno al tuo brand.

Un’altra opportunità sono le pagine vetrina. Se ne possono creare fino a 10 per pagina aziendale e ciascuna di essere può essere usata per raccogliere una community specifica. Le pagine vetrina sono perfette per aziende che trattano diversi prodotti, aventi caratteristiche differenti e magari ognuno sviluppato da un team dedicato. Per esempio Google ha dedicato una pagina aziendale LinkedIn per ogni suo singolo prodotto, come per esempio Google AdWords. Certo, la gestione di pagine multiple è un lavoro impegnativo. Ma è anche vero che ciò ti dà la possibilità di targetizzare molto meglio le community che si formano intorno a ogni tuo prodotto.

 

Linkedin pagina vetrina Google

E i profili personali dei dipendenti?

Una cosa è certa: per poter aprire una pagina aziendale, almeno una persona in azienda deve avere un profilo professionale su LinkedIn e includere nell’esperienza lavorativa personale le attività citate nella pagina aziendale. Ciò spiega e giustifica l’importanza della presenza dei tuoi dipendenti nel social network: ogni profilo che linka la tua pagina aziendale ne favorisce la visibilità. Su LinkedIn, la pagina aziendale esiste letteralmente perché dietro ci sono delle persone che lavorano per l’azienda in questione; il contrario, cioè una pagina aziendale senza profili associati, non si verifica mai.

A mio parere alcune figure specifiche dell’azienda non possono proprio fare a meno di avere un profilo LinkedIn. Ovviamente, è importante che sia accattivante, ben ottimizzato ed efficace. Il responsabile delle risorse umane, il direttore vendita e gli impiegati commerciali dovrebbero essere tutti presenti su LinkedIn, attraverso pagine personali, aggiornate e aderenti alle loro mansioni specifiche. Anche qualcuno dell’ufficio acquisti dovrebbe essere presente in questo canale social. Pensa solo a tutte le richieste di offerte o preventivi che le aziende ricevono. Come fanno i commerciali a selezionare adeguatamente tali richieste? Un profilo LinkedIn del richiedente è già una buona garanzia.

Invita dunque i tuoi dipendenti, e specialmente le figure che ho menzionato, ad aprire un profilo su LinkedIn e a mantenerlo aggiornato. Se non sanno come fare tecnicamente, allora la tua azienda potrebbe anche preoccuparsi di dare loro la formazione necessaria (modalità di iscrizione, gestione del canale, aggiornamento dei profili). Ricorda che l’immagine social dei tuoi dipendenti non è slegata dall’immagine social della tua azienda. Cerca dunque di insegnare ai tuoi dipendenti a rappresentare al meglio sia l’azienda in generale sia la professionalità specifica di ciascuno.

Una buona sinergia tra profili personali e pagina aziendale porterà giovamento all’immagine della tua attività. Dietro ogni business ci sono persone reali. I valori, le metodologie e la cultura aziendali sono il prodotto del lavoro di queste persone.

LinkedIn ti mette a disposizione una piattaforma per sintonizzare il tuo team sul giusto tono aziendale. La realizzazione delle pagine LinkedIn (pagina aziendale, pagine vetrina, profili personali) va di pari passo alle azioni di costruzione della community: ascolto, lettura, selezione del target e offerta di contenuti di valore. L’obiettivo è fidelizzare i clienti acquisiti e conquistarne di nuovi. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi 🙂