Comunicazione per le cantine

Comunicazione per le cantine

Analizzare, pianificare e ascoltare. Tre azioni necessarie per conquistare una presenza sul web. Di questi argomenti abbiamo parlato con Giusy Ferraina, nel suo programma “Identity, storie & business”. È stata un’ora spumeggiante volata in un attimo, siamo riuscite tuttavia a definire alcuni aspetti importanti della comunicazione delle cantine.
Ti racconto i punti principali di cui abbiamo parlato.

 

L’interesse per il vino e gli eventi del vino oggi

Esiste un interesse crescente per il mondo del vino in generale e in particolare per gli eventi del vino. Le persone sono sempre più curiose e desiderose di partecipare a vari tipi di esperienze come degustazioni, tour enogastronomici e corsi di avvicinamento al vino. I più giovani vogliono sapere di più sulla produzione dei vini e tengono sempre più in considerazione i metodi ecosostenibili e il rispetto per la natura.

In particolare, ci sono tante donne interessate ad approfondire le loro conoscenze enoiche. Questo elemento è molto importante, se pensiamo che il 67% degli acquisti nella GDO è fatto da un pubblico femminile. Conoscere questo scenario ci permette di delineare e creare eventi ad hoc con una comunicazione dedicata.

Le cantine iniziano ad essere consapevoli dell’interesse crescente del pubblico. Molte stanno investendo in una comunicazione che comprende sia la cantina che la vigna. In particolare, cercano di includere nel loro storytelling aziendale le tematiche che più sensibilizzano il pubblico. Tuttavia, non tutte le realtà sono così aggiornate: alcune per problemi di organico, altre per mancanza di strumenti.

Potresti leggere anche: Perché un blog per la tua cantina?

 

Il settore del vino in Italia è molto frammentato, perciò non esiste un solo modo per affrontare le nuove sfide del mercato. Esistono realtà medio-piccole che hanno compreso quanto sia importante destinare un budget specifico alla comunicazione online e che non esiste un’unica ricetta replicabile in ogni azienda.

Molte altre aziende hanno deciso di investire anche nella formazione. Sempre più persone frequentano corsi come WSET, che Sorsi di web porterà anche a Nuoro nel mese di ottobre 2019, insieme al docente Enrico Donati.
Sono molto frequentati anche i corsi di inglese tecnico, uno strumento ormai fondamentale sia nelle fiere per comunicare con gli importatori e i buyer, sia negli incontri b2b e nella corrispondenza, che è da considerarsi non meno importante dei contatti personali.

Puoi leggere anche: Content marketing efficace

La direzione della comunicazione del vino: gli errori da evitare

È ancora necessario lavorare sulla tendenza a essere troppo autoreferenziali. Non sempre si riesce a far capire fino in fondo al cliente che sul web non è produttivo parlare solo di sé stessi. L’utente deve essere educato e informato, ma anche intrattenuto.

Considerando la vastità dell’offerta è importante rimanere impressi nella testa del pubblico. Per farlo è necessario proporre un mix di contenuti, includendo certamente la storia dell’azienda e del territorio ma anche temi più leggeri e utili al pubblico che segue il brand o visita il sito aziendale.
In particolare è interessante la creazione di rubriche su canali come Facebook e Twitter.
Twitter nello specifico è il canale ideale per parlare con gli influencer dei mercati esteri, per questo motivo è un social da presidiare.

Un altro elemento fondamentale è il rapporto con i sommelier. Sono loro i veri micro influencer del brand. Al loro racconto è affidata la scelta di un’etichetta rispetto a un’altra da parte del cliente finale.

Forse ti interessa leggere anche: Influencer marketing nel mondo del vino

 

Tra gli errori nella comunicazione online, posso menzionare la gestione dei social affidata a familiari o figure non specializzate, le quali quasi mai hanno la formazione necessaria per pianificare la comunicazione, realizzare campagne con obiettivi definiti e misurare i risultati del lavoro svolto.

Un altro sbaglio molto frequente è la gestione della comunicazione aziendale con l’utilizzo di un profilo personale di Facebook.
Le aziende infatti hanno a disposizione degli strumenti specifici come le pagine aziendali e il Business Manager. L’uso corretto di questa piattaforma social permette all’azienda di raggiungere il pubblico di riferimento che non è costituito solo da amici e vicini.
Per questo è importante andare oltre: l’obiettivo finale è potenziare le vendite!

Comunicazione online per le cantine

 

Comunicazione del vino: i mai più senza

Con Giusy, abbiamo discusso di alcuni basilari per la costruzione di una presenza di successo, online e offline, per le cantine. Vediamo insieme i punti che dovresti tenere a mente, prima di avviare o aggiornare la tua comunicazione online:

  • Il target e gli obiettivi: per avere un’identità di marca originale devi aver ben chiaro chi sei, cosa fai, perché lo fai e per chi lo fai.
    Sembra scontato, ma credimi non è così semplice. Quando mi occupo di un nuovo progetto, la prima domanda che faccio al mio cliente è il target al quale si rivolge. La risposta è quasi sempre: “tutti quelli che vogliono bere un buon vino”.
    È importante conoscere il tuo interlocutore per permetterti di creare la giusta comunicazione, sia in termini testuali che visivi, senza sprecare altre risorse.
    La stessa mancanza di chiarezza la ritrovo quando parliamo degli obiettivi Bisogna definire i famosi SMART, i traguardi che si vogliono raggiungere con le azioni online.
  • Studiare non copiare: per una brand identity unica e riconoscibile, copiare non ti aiuterà! Piuttosto è utile studiare e analizzare come si comportano i tuoi competitor, senza copiarli.
  • Budget e risorse: è fondamentale prevedere un budget e scegliere le figure professionali di riferimento da impegnare in un progetto.
  • Listening: si deve realizzare un ascolto della rete (listening), attraverso le piattaforme social e la delineazione delle personas.
  • Tono di voce: dovresti scegliere accuratamente le parole che meglio rappresentano il brand e lo stile di comunicazione. In base alle tue esigenze, puoi adottare uno stile più o meno sofisticato/casual o formale/informale, ecc.
  • Influencer: ascolta, analizza e scegli quelli giusti con cui poter collaborare. E considera anche i gruppi social verticali sui social.
  • Strategia e canali social: il sito web è sempre il centro della strategia da sviluppare, mentre i canali social fanno da cassa di risonanza per i contenuti aziendali, per cui è importante scegliere quali presidiare.
  • Calendario editoriale: è importante seguire un calendario editoriale, monitorare e aggiustare il tiro.

Forse ti interessa leggere anche: Buyer personas, l’identikit del consumatore di vino

 

Vino e comunicazione: altri aspetti importanti

Errare è umano, perdonare è sempre più divino e raro. Per essere pronto e farti riconoscere in maniera positiva dai winelover o dai consumatori di vino occasionali, puoi segnarti questi due tip:

  • L’ironia fuori luogo: personalmente, detesto l’associazione vino, donne e volgarità.
    L’ironia nella comunicazione è da usare con il contagocce e soprattutto con buongusto. Un buon copywriter o meglio un team, sono in grado di scrivere testi di qualità e creativi senza cadere nella volgarità o nella banalità.

Se la tua comunicazione è una comunicazione fai da te: evita l’ironia.

  • Le etichette: so che a volte non è facile; la tentazione è troppo grande. Ma le etichette non devono essere create pensando al proprio consumo personale. In realtà rappresentano il primo biglietto da visita del vino e possono influenzare significativamente la scelta del prodotto nello scaffale. Perciò è necessario affidarsi a veri professionisti non solo per la loro creazione ma anche per quanto riguarda la fotografia e la pubblicità.

Leggi anche: 3 step vincenti per il design della tua etichetta di vino

 

Durante l’intervista ci siamo divertite e abbiamo scambiato tanti punti di riflessione.
Spero di tornar presto a Radio Food per approfondire altre tematiche relative al digital marketing del vino, insieme a Giusy.

Ti rinnovo il mio invito! Raccontami la tua esperienza nella comunicazione del vino.

 

Contattaci per maggiori informazioni sui corsi WSET di inizio ottobre 2019, a Nuoro, via mail: info@sorsidiweb.com o al 3487998864.