Creare un sito web

Cosa ti serve per creare un sito WordPress

Vincenzo Abate di Keliweb ci presenta una guida essenziale alla creazione di un sito web. Oggi, specialmente grazie a software gratuiti come WordPress e a offerte di hosting ottimizzate e di qualità come quelle di Keliweb, creare un sito web non troppo complesso è perfettamente alla portata di utenti non specializzati in web design. Leggi dunque e impara come fare!  

Hai deciso di creare un sito web ma non hai ancora ben chiare le mosse da fare; magari perché non hai una grande esperienza con il web oppure perché sei impegnato con il resto del tuo lavoro e non hai tempo da dedicare anche a questo aspetto. Niente paura, allo stato attuale, la realizzazione di un sito internet con WordPress non richiede nulla di complicato, almeno se parliamo di siti relativamente semplici per struttura e aspetto. In questo articolo andremo ad analizzare quali sono i passaggi da svolgere per creare un nuovo sito, metterlo online e promuoverlo nella maniera corretta.

 

Perché scegliere WordPress

Mettiamo subito le cose in chiaro: WordPress non è l’unico software esistente online con cui si possono gestire siti internet. A questa considerazione, innegabile perché fattuale, ne segue però un’altra: la stragrande maggioranza dei siti internet gira ormai su WordPress.

Come si spiega questo trionfo di WordPress, ormai piattaforma di oltre il 40% dei siti di tutto il mondo (con buona pace di “colleghi” come Joomla, PrestaShop, OpenCart ecc)?

WordPress vince su tutti perché combina a perfezione gli aspetti che interessano maggiormente agli utenti, ovvero:

  • Semplicità di gestione: WordPress è alla portata anche degli utenti meno esperti.
  • Chiarezza delle informazioni: il pannello di amministrazione di WordPress è come una mappa, la più chiara e facile da leggere che si sia mai vista.
  • Versatilità: creato per il blogging, oggigiorno WordPress viene usato anche per tradizionali siti web e per siti e-commerce.
  • Una natura SEO-friendly: WordPress sembra avere un rapporto privilegiato con Google, con i contenuti che facilmente riescono a indicizzarsi sul motore di ricerca.

 

Cosa ti serve per creare il tuo sito internet

Abbiamo dunque appurato che WordPress è il CMS (acronimo di Content Management System) migliore tra quelli disponibili online. A questo punto, la cosa che dobbiamo fare è indicare quali sono i passaggi per creare un sito WordPress.

Nei prossimi paragrafi, illustreremo tutti i singoli passaggi che devi effettuare per arrivare finalmente alla creazione della tua piattaforma digitale.

 

Prepara un piano d’azione

Per prima cosa, cerca di avere le idee chiare sul tipo di progetto che intendi realizzare. Per mia esperienza personale, posso dirti che, se avvii un percorso senza aver preso in considerazione ogni aspetto, definito preliminarmente ogni dettaglio, stabilito cosa vuoi creare, come e che aspetto dargli, allora farai ben poca strada. Quello che ti consiglio è di preparare una sorta di business plan (non per forza super professionale, basta anche un piano d’azione con carta e penna) per avere ben chiare le cose da fare. Una volta preparato questo schema, puoi iniziare a lavorare sul web.

 

Scegli un nome accattivante

Che nome vuoi dare al tuo progetto web? Con quale nome vuoi che sia conosciuta e identificata la tua attività online?

Il primo passo per creare un sito web riguarda la scelta del nome di dominio, che rappresenta il tuo biglietto da visita su internet. In pratica, il dominio corrisponde all’indirizzo web che gli utenti inseriscono nella barra del browser per raggiungere il tuo sito. Scegli un nome che definisca appieno chi sei e cosa fai (il nome della tua azienda oppure un insieme di parole chiave), dopodiché abbina un’estensione utile in tal senso. L’estensione è l’ultima parte del dominio, quella che compare dopo il punto a destra (per intenderci, in sorsidiweb.com l’estensione è il .com). Puoi scegliere un’estensione classica, come il .it e il .com, oppure optare per una nuova estensione gTLD con cui puoi personalizzare al massimo il tuo dominio (per esempio il .blog perfetto per i blogger, il .business per siti aziendali, il .pro per il sito di un professionista, il .store per un e-commerce oppure il .wine per il sito di un’azienda che produce e vende vino).

 

Leggi anche: Perché e dove comprare vino online

Scelta del CMS… ovvero WordPress

A questo punto dovrai prendere in considerazione il tipo di software che andrai a utilizzare per gestire il sito. Abbiamo già detto che il CMS che prendiamo in considerazione in questa occasione è WordPress, anche se potresti prendere in esame eventualmente altre possibilità come i già citati Joomla, PrestaShop ecc.

Tutti ottimi software, senza dubbio: ma, come abbiamo spiegato sopra, WordPress ha decisamente una marcia in più.

 

Lo spazio web che deve ospitare il sito

Un sito, per poter essere raggiunto online e visitato dagli utenti, deve trovare un proprio posto nel vasto mondo del web. Questo spazio adibito a ospitare i siti internet si chiama hosting (dall’inglese to host, ospitare). I servizi di hosting sono forniti da aziende, come Keliweb, chiamate web hosting provider e che mettono a disposizione degli utenti diverse tipologie di questo servizio. Per iniziare a farsi le ossa sul web, puoi optare tranquillamente per un servizio di hosting economico (che include la registrazione del dominio). Dalla qualità dell’hosting dipenderanno le prestazioni del sito, intese come velocità e affidabilità. Ecco perché è necessario che tu riesca a individuare un servizio di hosting che sia sì poco costoso ma che includa tutte le risorse necessarie per far rendere al meglio il sito.

Visto che parliamo di un sito da creare con WordPress, non v’è dubbio che una soluzione ottimizzata hosting WordPress, come quella offerta da Keliweb, sia l’opzione migliore.

 

Costruzione del sito

Dominio e hosting ti servono per mettere il sito online. Una volta completata l’installazione di WordPress sei pronto per iniziare il tuo lavoro. Ovviamente il sito va poi costruito, altrimenti resterà solo una pagina semivuota. Puoi dare al sito una struttura, scegliendo uno dei tanti temi WordPress disponibili online (ce ne sono tanti gratuiti, ma anche diversi professionali a pagamento). Ci sono poi tutte altre cose da fare, come la costruzione delle pagine, l’inserimento di immagini di qualità e di contenuti testuali per ogni pagina.

Come dicevamo, WordPress è intuitivo e ben integrato nelle sue parti, e ti permette di gestire l’aspetto e i contenuti del sito con relativa facilità. Sul web ci sono tanti tutorial che insegnano a usare WordPress e a implementare le funzionalità più comuni, comprese pagine informative, blog o negozi online.

Se hai davvero poco tempo o se intendi implementare idee complesse, allora la cosa migliore che posso consigliarti è di affidarti a professionisti, in particolar modo web designer e copywriter. Un piccolo investimento, da aggiungersi alle piccole spese per l’hosting, per dare forma e contenuto al tuo progetto.

 

Promuovi la tua attività online

Mettere online un sito ben strutturato e bello da vedere è il primo passo, ma non puoi di certo fermarti qui. Il web è un universo in continuo movimento, per farsi notare occorre “muoversi” di continuo, non restare mai fermi. A tal proposito, come muoversi per pubblicizzare la propria attività online?

Quello che devi fare è puntare senza indugio sul marketing digitale, quindi mettere in atto una serie di operazioni volte a dare maggiore visibilità al sito sia sui canali social che sul motore di ricerca. Con queste attività, riuscirai a raggiungere gli utenti che per interessi possono essere considerati tuoi potenziali clienti. Persone che hanno interessi molto vicini a quanto tu hai da offrire, che si tratti di un e-commerce o di un sito che condivide contenuti su specifici argomenti.

Se anche in questo caso non hai possibilità di seguire in prima persona questo tipo di attività, ti consiglio di contattare una Web Agency di qualità, come appunto Sorsi di Web, che fornisca anche servizi di Social Media Marketing, SEO e Content Marketing. Un altro piccolo investimento che ti ripagherà attraverso un maggiore traffico verso il sito.

 

Conclusioni

Con questo articolo ho cercato di darti una sorta di indicazioni sulle “cose da fare” per creare un sito WordPress, strutturarlo in modo professionale, metterlo online e promuoverlo al massimo delle tue possibilità.

Se hai qualche dubbio in merito e vuoi domandarmi qualcosa, scrivimi pure nei commenti qui sotto. Ti risponderò con piacere nel minor tempo possibile.

Vincenzo Abate – Keliweb SRL

 

Potresti leggere anche “Content Marketing per le cantine: da dove iniziare”

 

Digital Wine Marketing: Guida alla promozione online del vino e dell’enoturismo di Susana Alonso, edito da Hoepli è disponibile su Amazon e nelle librerie.

Digital Wine Marketing Susana Alonso