Cantina in fiera anche online

La tua cantina va in fiera: come comunicarlo online

Anche nel mondo dell’economia digitale, le fiere di settore sono sempre un canale importante di diffusione di un brand e delle sue novità.

Nello stesso tempo, un’esperienza in fiera richiede personale, tempo e denaro. Per questo motivo, oggi è importante sostenere quest’evento offline con la comunicazione online. Sostanzialmente, si tratta di usare gli spazi e gli strumenti digitali aziendali (sito web, blog, canali social, newsletter, ecc.) per parlare dell’evento prima, durante e dopo il suo svolgimento.

Vediamo dunque insieme come distribuire le risorse per affrontare questa attività di promozione.

 

Inizia dal sito web: il blog e la newsletter

Il sito web aziendale è il centro della strategia di marketing digitale. Negli ultimi anni, la frenesia social ha spinto alcuni marketer e alcune aziende a svalutare il sito aziendale. Ma bisogna stare attenti. Infatti, i social network non permettono alle aziende di andare oltre certi limiti, e le regole di gestione delle pagine social aziendali sono strette e cambiano spesso.

Il sito invece è uno spazio molto più controllabile e personalizzabile. Da quando esistono strumenti come WordPress, i siti web sono molto più semplici da progettare e da gestire. L’integrazione del blog permette di interfacciare perfettamente il sito con i social. Il sito aziendale è di fatto uno spazio di tua proprietà, che puoi adattare alle tue esigenze e che ti permette di comunicare in maniera libera, sicura ed efficace.  

Come accennavamo, oggi è quasi sempre necessario avere un sito che integri un blog aziendale.

I blog post coniugano la ricchezza delle pagine statiche tradizionali con la dinamicità dei social post, e ti permettono di costruire nel tempo una narrazione aziendale sistematica e di qualità.

Il blog serve anche per proporre contenuti di contorno che piacciono a un certo pubblico di riferimento che comprende anche i tuoi clienti, attuali e potenziali (content marketing). Spesso questo tipo di comunicazione cerca di rispondere a certe domande tipiche dei consumatori (buyer personas).

Puoi leggere anche “Buyer personas: l’identikit del consumatore di vino

Nel blog puoi parlare dei tuoi valori aziendali, delle scelte di produzione, dei lanci di nuovi prodotti e, appunto, degli eventi.

Un mese prima della fiera, puoi pubblicare un post in cui presenti l’evento e annunci alcuni dettagli sulla tua partecipazione. Ricordati di segnalare anche la tua eventuale presenza a conferenze, presentazioni, degustazioni, ecc. Sii preciso con le date, i luoghi, gli orari, i nomi. Cerca di attrarre l’interesse e di presentare la visita come un’esperienza piacevole e facile.

Una volta finita la fiera, dovresti scrivere un secondo blog post, in cui racconti come è andata, ringrazi gli ospiti e i visitatori e magari annunci anche la tua partecipazione a eventi prossimi.

 

La newsletter: annunci e inviti

Un primo strumento di diffusione dei blog post e delle news aziendali è la newsletter (ne parliamo in questo articolo).

Prima di una fiera, puoi usare la newsletter anche per annunciare le novità che presenterai durante l’evento, la tua partecipazione a un concorso, gli incontri che stai organizzando presso il tuo stand, ecc.

Invita le persone a iscriversi in anticipo a questi eventi, specialmente se i posti sono limitati. Cerca di stimolare la partecipazione enfatizzando il piacere di partecipare all’evento, ed evitando al massimo le complicazioni (indica con chiarezza dettagli come orari e luoghi).

fiere ed eventi di settore vino e cibo

 

I Social Media per coinvolgere

Oltre alla newsletter, lo strumento principale di diffusione dei contenuti di un blog sono i social media. Principalmente Facebook, Instagram, e Twitter.

Puoi leggere anche “Facebook per il Food & Wine: golosità, curiosità e partecipazione

Se vuoi pubblicare sui social in maniera professionale, devi seguire un piano editoriale, che garantisce coerenza e sistematicità alla tua comunicazione. In occasione di fiere offline, puoi però usare i canali social anche per pubblicare post estemporanei, che raccontano la tua esperienza in tempo reale.

Comunque, dato che generalmente una fiera è organizzata diversi mesi prima, l’evento può ben essere incluso nel piano editoriale. Così, oltre che sul blog, puoi iniziare a parlarne anche sui tuoi canali social. Sui social puoi sfruttare gli strumenti di sponsorizzazione (ads) per individuare un pubblico che credi possa essere interessato alla fiera e mostrare loro post di promozione e di invito.

Per quanto riguarda le azioni in “real time”, durante l’evento puoi postare foto che mostrano il tuo lavoro allo stand, i visitatori, gli ospiti speciali, gli amici, le degustazioni, le premiazioni, ecc.

Ricordati che ogni canale social ha proprie regole “grammaticali”, più o meno rigide, che dovresti seguire per ottimizzare la visualizzazione dei contenuti da parte degli utenti. Cerca di stimolare i commenti e le domande e rispondi tempestivamente.

Vuoi comunicare online in maniera professionale? Chiamaci!

 

Usa Instagram e le storie

Ormai è difficile che tu non abbia una pagina aziendale su Facebook ma, per la comunicazione in real time, Instagram è ancora meglio.

In particolare, le Instagram Stories sono molto popolari. Se vuoi che le persone sappiano della tua partecipazione a una manifestazione, allora dillo con una storia su Instagram!

Leggi anche: Instagram tip per il Food & Beverage

Le Instagram Stories sono contenuti visual (video, foto, immagini) visualizzati per soli 10 secondi, e che normalmente rimangono sui social per non più di 24 ore. Proprio per questo sono perfette per parlare delle veloci esperienze in fiera. (Se vuoi, puoi comunque decidere di lasciarle fisse sul profilo).

Puoi anche arricchire le storie con testi, gif, emoji, filtri, hashtag, menzioni, geolocalizzazioni, sondaggi, ecc. E puoi modificare la velocità di riproduzione. Ricordati in particolare di usare l’hashtag ufficiale della fiera e l’hashtag aziendale.

Se ogni tanto durante la fiera giri dei brevi video, puoi diffonderli come Stories su Instagram. Insomma, le Stories sembrano fatte apposta per catturare l’attenzione delle persone.

 

Hai una fiera in programma? Contattaci!

 

Twitter: l’album della tua fiera

Attualmente, Twitter non è più tanto usato come una volta per fare la “diretta” degli eventi. Però, questo canale è sempre popolare fra chi si occupa di Food & Beverage, e puoi usarlo anche per il real time.

Anche su Twitter puoi iniziare ad annunciare l’evento con qualche settimana di anticipo, e così creare una certa attesa fra i follower. Puoi anche decidere di “fissare” il tweet di lancio della manifestazione per un certo periodo.  

Ricorda di presidiare quotidianamente i canali social, compreso Twitter, e di coltivare la tua rete. Altrimenti i tuoi tweet potrebbero essere visti solo da poche persone.

Puoi anche leggere: Twitter per rimanere connessi nel Food & Wine

E poi, anche su Twitter ci sono gli hashtag! Come per Instagram, anche in questo canale dovresti accludere ai tuoi post l’hashtag ufficiale della manifestazione e quello aziendale.

Ricordati poi di seguire tu stesso l’hashtag ufficiale, e di retwittare i post di altri utenti che lo contengono e che consideri rilevanti per il tuo pubblico.

Oltre ai tweet in tempo reale, puoi ovviamente stilare un piano editoriale, specialmente se hai già fissato appuntamenti, incontri, degustazioni, ecc., di cui vuoi parlare.

 

Gli eventi nell’evento

Vuoi sfruttare al massimo il tuo investimento in fiera? Allora organizza una piccola degustazione nel tuo stand. È un’ottima occasione per fare dell’influencer marketing offline. Ricordati dunque di scegliere con cura gli host dell’evento (comunicatori, blogger, ecc.).

Leggi questo post su Influencer Marketing nel mondo del vino

Il relatore, in particolare, dovrebbe essere un professionista capace di comunicare efficacemente i prodotti e l’azienda. Anche se il relatore è un esperto abituato a parlare in pubblico e a guidare degustazioni, è sempre meglio coinvolgerlo per tempo. Così, avrà il tempo di conoscerti e di farsi un’idea dei tuoi prodotti. (Ovviamente, dovrai mandargli dei campioni.)

Gli ospiti di un evento in fiera sono tipicamente blogger o giornalisti. Anche queste persone vanno coinvolte per tempo. Spiega loro le caratteristiche dell’evento e i suoi obiettivi. Stabilisci insieme a loro le pubblicazioni (social post, blog post, dirette, foto, video, ecc.) da produrre prima, durante e dopo l’evento. E ricordati che per questi eventi dovrai stanziare un certo budget (compenso per il relatore, omaggi per gli ospiti, ecc.)

 

Conclusioni

Le fiere del Food & Wine non mancano di certo. Il nostro consiglio però è di concentrare le tue risorse solo su uno o al massimo due eventi importanti all’anno. Se puoi, aggiungi un altro paio di eventi più piccoli o meno celebri, oppure organizza eventi in sinergia con distributori e importatori.

Parti sempre dagli obiettivi, stanzia i budget e scegli con cura le persone che rappresenteranno il brand in ognuna di queste occasioni. I professionisti giusti faranno la differenza, sia offline che online. Come sempre, raccontami la tua esperienza!